NFC West

American Sport ma non solo ! Registrazione necessaria prima di poter dire la vostra.

San Francisco 49ers

 

Best pick: Trade down

I 49ers hanno certamente scelto un gruppo di giocatori interessante e di prospettiva (tra cui la loro prima scelta A.J. Jenkins), ma ciò che è piaciuto di più del loro draft è stata la capacità del loro GM, Trent Balkee, di pensare in maniera prospettica e non solo nell’immediato. San Francisco avrà 13 scelte (compresi due compensatory pick)  nel draft del 2013.

Questionable move: LaMichael James, RB Oregon

E’ difficile criticare una scelta quando il giocatore selezionato viene identificato come il nuovo Darren Sproles. Tuttavia i 49ers avevano già un RB con queste caratteristiche a roster ed un cavallo da tiro alla Robert Turbin sarebbe stato più indicato per sostituire un Frank Gore sul viale del tramonto.

Third-day gem: Jason Slowey, C/G Western Oregon

Questo è un giocatore poco conosciuto poiché arriva da un college minore. E’ dotato di grandissima aggressività e atletismo. Giocava come LT, nei pro verrà schierato come uomo di linea interno (guardia o centro) .

Overall analysis:

Il rendimento di Jenkins e James sarà il migliore indicatore per valutare sul lungo periodo il draft dei campioni della NFC West. Molti si chiedono però, al di là del valore di questi due elementi, se non sarebbe stato più saggio sezionare nei primi due round rispettivamente Coby Fleener e Ruben Randle. Buon terzo giorno con diversi pick interessanti tra cui due OL Looney e Slowey.

Grade: C+

Seattle Seahawks

 

Best pick: Bobby Wagner, LB Utah State

E’ il classico LB che piace a Pete Carroll. Fisicamente non imponente ma atletico ed estremamente reattivo. Ricorda molto un ex Seahawk, Lofa Tatupu. Tra tutti i rookie scelti da Seattle è quello che potrebbe partire titolare dalla prima settimana di regular season.

Questionable move: Russell Wilson, QB Wisconsin

E’ vero che nessuno conosce il vero valore di Matt Flynn e che certamente Tavaris Jackson non è la soluzione, ma era proprio necessario spendere una terza scelta per un QB, fisicamente  sottodimensionato, che sarebbe stato libero anche nei late round??

Third-day gem: Robert Turbin, RB Utah State

Soprannominato Hulk per i suoi bicipiti impressionanti e per il suo stile di corsa diretto e punitivo, questo RB ricorda un po’ con le debite proporzione Frank Gore. L’unico dubbio è, se con il rinnovo di Lynch, avrà lo spazio necessario per mostrare tutto il suo valore.

Overall analysis:

I Seahakws in questo si sono certamente rinforzati ed hanno chiuso il loro draft con un terzo giorno convincente. Molto ruota però intorno alla loro prima scelta, Bruce Irvn, DE/OLB. Un po’ piccolo e con qualche problema caratteriale ma probabilmente il pass-rush più naturale dell’intero draft.

Grade: C+

 

Arizona Cardinals

 

Best pick: Malcom Floyd, WR Notre Dame

Da molti considerato come il miglior WR dell’intero draft, l’ex prodotto di Notre Dame ricorda moltissimo Dwayne Bowe dei Chiefs. Finalmente Fitzgerald ha un compagno di reparto all’altezza dopo la perdita di qualche anno fa’di Boldin.

Questionable move: No one

Tutte le scelte fatte da Arizona sono sembrate valide e coerenti con la necessità della franchigia. A voler essere pignoli i Cardinals hanno atteso fino al quarto round per sistemare un linea offensiva non eccezionale, ma purtroppo erano anche privi della loro seconda scelta a causa della trade per Kevin Kolb dello scorso anno.

Third-day gem:  Ryan Lindley, QB San Diego State

QB dotato di grande braccio e capace di fare tutti i tipi di lancio. E’un passatore ideale per l’attacco di Wisenhunt. Deve però essere sviluppato con calma, migliorare le letture delle difese avversarie e  la precisione nei passaggi.

Overall analysis:

Arizona ha avuto meno hype rispetto ad altre franchigie nonostante un ottimo draft. Floyd, Kelemete, Fleming e Massie sono tutti giocatori che potrebbero diventare molto presto dei titolari per questa franchigia.

Grade: B

 

 

St. Louis Rams

 

Best pick: Trumaine Johnson, DB Montana

Il fatto di venire da un college poco conosciuto e qualche problemino caratteriale lo hanno fatto scivolare al terzo round nonostante molti sostengano che abbia talento da giocatore da primo round. Che giochi CB o S i Rams hanno messo a segno un bel colpo.

Questionable move: Trade down

Fisher ha massimizzando il fatto di avere la seconda scelta assoluta facendo ben due trade nel corso del primo round e portandosi a casa ben 10 giocatori. Tuttavia ha forse esagerato un po’ ed infatti nel primo round ha dovuto ripiegare su Brockers, buon giocatore ma  ancora acerbo.

Third-day gem:  Chris Givens, WR Wake Forest

Rispetto all’altro WR preso, Brian Quick, potrebbe avere un impatto maggiore almeno nell’immediato. La sua velocità combinata con il turf dell’Edward Jones Dome dovrebbe dare a Bradford un WR davvero pericoloso sul profondo.

Overall analysis:

Draft certamente lucido da parte dei nuovi Rams targati Jeff Fisher. Avendo una squadra con diversi buchi da coprire hanno puntato più sulla quantità che sulla qualità, portando a casa certamente qualche buon giocatore ma forse rinunciando alla possibilità di prendere un top player.

Grade: B-